“Ante pante” per la candelora

Ad Eisenkappl/ Železna Kapla si pratica l’antica tradizione del cosiddetto “Kirchleintragen”.

Region Klopeiner See - Südkärnten
“Ante pante populore, kocle vrate cvilijore”.

Alla vigilia della Candelora, i bambini preparano delle chiesette di carta colorata destinate il giorno dopo ad essere affidate alle acque del fiume. Mentre le chiese illuminate da una candelina danzano e se ne vanno sulle onde del torrente Vellach, i bambini scandiscono una singolare filastrocca: “Ante pante populore, kocle vrate cvilijore”. La prima parte è una versione maccheronica del latino “Ante faciem omnium populorum” (al cospetto di tutti i popoli).

La seconda parte è in sloveno e significa: “la porta di Kocl cigola”. Questa simpatica tradizione risale al medioevo, quando il torrente Vellach in caso di forti piogge straripava e allagava la valle. Una volta, in preda alla disperazione, gli abitanti gettarono nelle acque impetuose una chiesetta in miniatura illuminata da una candela, e come per miracolo l’alluvione cominciò a ritirarsi.

To enhance your user experience, we have implemented cookies on this website. By using our site, you agree to our use of cookies. Further details can be found in our Data Privacy Policy